Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

martedì 17 novembre 2015

Lupin III - L'Amore da Capo, Fujiko's Unlucky Days: la recensione (Pick A Card-Cer #36)

Come si era annunciato nel settimo episodio, continua la rassegna stampa di tutti i lungometraggi, gli oav e gli special tv di Lupin e soci...in ordine ovviamente casuale. Oggi è il turno di L'AMORE DA CAPO: FUJOKO'S UNLUCK DAYS.


Trama:
Per non farsi rubare il documento di Colombo, che dice esattamente dove si trova l'uovo di Colombo, Fujiko lo memorizza e poi lo distrugge. Toccherà a Lupin cercare l'uovo quando Fujiko verrà colpita da amnesia temporanea.

Il mio Parere:
E' l'undicesimo special televisivo di Lupin III uscito sui tubi catodici giapponesi nel 1999; da noi invece arriverà ben quattro dopo, nel 2003, e sarà trasmesso come di consueto su Italia 1. In patria è conosciuto con il titolo alternativo: "Lupin III - L'Uovo di Colombo". Per la produzione, gli special tv (a volte) rappresentano una vera occasione, permettendo a registi e sceneggiatori di raccontare una storia particolare su un personaggio di contorno senza ricorrere alla serialità ma rimanendo pur sempre in continuità; come sapete di sicuro meglio di me, il problema della serialità è che una storia divisa in puntate può spezzare il ritmo e ammosciare l'enfasi e l'entusiasmo, di sicuro sarebbe più facile da seguire (avendo a disposizione una certa pausa) ma per alcune trame ne risentirebbe il ritmo e l'apprezzamento finale, dato che alcune devono essere viste e godute in tutta la loro interezza. E' proprio per questo che produzioni come Tokyo Crisis: Memory Of A Blaze, La Cospirazione Dei Fuma e Viaggio Nel Pericolo (dedicati rispettivamente a Zenigata, Goemon e Jigen) vengono ricordate maggiormente dai fan e con molto più affetto, perchè non devono aspettare per vedere cosa succede in una storia incentrata su personaggi che di solito sono solo di contorno: i comprimari Lupiniani. E poi, anche perchè piene di azione e avvenimenti. Non c'è quattro senza tre e L'Amore Da Capo: Fujiko's Unlucky Days è lo special che parla proprio della peratissima musa di Lupin; beh, oddio, ad essere onesti, non è che parla proprio di lei. Più che altro, la vede come uno dei personaggi principali.

L'undicesimo special del ladro dalla giacca colorata ha il grande pregio non solo di dare più spazio a Fujiko, ma anche (e maggiormente) a una sua versione più innocente, venuta a galla a causa della perdita di memoria; così facendo, lo spettatore si interessa a priori del lungometraggio animato grazie a questa caratterizzazione totalmente inedita di un personaggio che di positivo ha sempre avuto solo ed esclusivamente un'abbondante seno e svariate scene di nudo. Proprio per questo, per l'innocenza che acquisisce brevemente la donna, L'Amore Da Capo non può essere considerato totalmente un film incentrato su Fujiko, poichè personaggi del genere "così deboli" di carattere hanno bisogno di un gran bel supporto, datogli in questo caso da Lupin (che si dimostra veramente affezionato e innamorato di lei) e dalla Lupingirl di turno, la badassissima Rosaria (che dispiace quasi vederla solo in questo film animato); si può dire quindi che lo special è uno stand alone sulla ex-Margot solo al 60%, il restante 40% se lo dividono a pari merito Lupin e Rosaria. Nonostante ciò fa comunque piacere vedere la musa per eccellenza del ladro in un ruolo diverso e non in quello solita voltagabbana senza scrupoli. Per il resto, il film animato in questione si presenta a pieno titolo come un lungometraggio dalle poche pretese, dedito solo a divertire e niente di più. Ottimo, come sempre, il mix tra azione e umorismo (qui nella salsa più scema che mai); villain parecchio assurdo e un pò pezzente, facilmente dimenticabile; Jigen e Goemon parecchio sullo sfondo e parecchio demenziali; Zenigata qui inutile e nella sceneggiatura per contratto; trama interessante ma verso la fine si esagera decisamente e la si risolve in maniera grossolana e frettolosa. Da prassi insomma, ma non la solita prassi stampino e fatto tanto per. 

Conclusioni:
La pellicola dedicata a Fujiko Mine è uno di quei special tv di Lupin che si riconoscono per le idee che hanno: fatte per stare nel mezzo, nè oscene, ma neanche memorabili. Scelta artistica più onesta che fa guadagnare punti simpatia; nel complesso, è un film che regala piacevole intrattenimento senza nessuna pretesa.


- Symo

4 commenti:

  1. Io ho adorato il personaggio di Nazaroff (il braccio destro del capo dei cattivi), anche (e forse soprattutto) per via del doppiatore italiano, Luca Dal Fabbro, che con il suo timbro schizofrenico gli ha dato un'impronta a mio parere memorabile. Per il resto l'ho trovata una buona avventura di Lupin, ma nel finale è scaduto un po', e la trasformazione del cattivo alla fine mi sa un po' di trash.

    RispondiElimina
  2. Si infatti sembrava che Steve Buscemi fosse il cattivo secondario della situazione con Dal Fabbro. Per il resto oltre alla variabile di Fujiko solito canovaccio narrativo, peccato per il cattivo principale sottotono anche con la voce del mitico Kalamera e la sua trasformazione stile Dr. Hide del film La Leggenda degli uomini straordinari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaha Steve Buscemi! Bella questa :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...