Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

domenica 27 settembre 2015

Le 16 Curiosità su: Lupin III

Visto che si sta parlando tanto tantissimo di Lupin II in questi giorni, causa serie animata in onda su Italia Uno, perché non cavalcare l'onda e scrivere un post su curiosità non a portata di tutti riguardo il nostro ladro preferito? Visto che mi sono anche chiesto: "Ma c'è qualcosa che ancora non sappiamo di lui?". E sapete che c'è? Non è molto, ma alla fine qualcosa che non sappiamo di Lupin e del suo fantastico cast c'è. Unica pecca: le nostre solite trivia, questa volta, in forma ridotta, perché venti proprio non sono riuscito a trovarle.


16 - Partiamo con una cosa che veramente pochi sanno, o forse sanno ma non prendono con la dovuta importanza (visto i risvolti futuri): c'è stato un momento in cui Monkey Punch voleva chiudere la serie a fumetti di Lupin, perchè convinto (come molti scrittori) che una storia debba avere una fine di qualche tipo. Il sipario sulle scorribande del ladro e la sua cumpa cala nel 1981, in una storia intitolata "Kanketsuhen" (letteralmente: "Capitolo Finale") dove i quattro vengono attirati con l'inganno su un isolotto che viene fatto esplodere davanti agli occhi di uno stupefatto Zenigata; dall'esplosione si salvano solo quattro cose: una spada, una pistola, il fodero di una pistola e un reggiseno (in altre produzioni, invece, al posto della fondina viene mostrato il ritrovamento di una giacca bruciacchiata). Nonostante la conclusione un pò disastrosa, il finale si presenta fin da subito come un finale aperto e che non esclude la possibilità che Lupin e soci si siano salvati e che, anzi: sia l'ennesima tattica per sbarazzarsi di Zenigata una volta per tutte. Come mai Monkey Punch decise di tagliarla su ad una certa? Non s'è mai saputo con certezza, ma la teoria più papabile è quella che lo voleva desideroso di prendersi una pausa dalla versione cartacea della sua creatura e dedicarsi alla serie animata che gli stava facendo guadagnare fior fiori di quattrini. 

15 - Ma rispondiamo ad un'altra domanda che io stesso ho sollevato: perchè ho detto che, forse, molti non hanno preso la storia della sua presunta morte molto seriamente? Per i seguenti motivi: 1) E' Lupin, è uscito da situazioni ben peggiori; 2) Lo stesso Monkey Punch aveva assicurato che questa era solo una pausa e sarebbe ritornato sulla serie quanto prima...peccato che il "quanto prima" arriverà nel 1997, dove però lui sarà solo il supervisore; 2) Nell'oav La Cospirazione Dei Fuma viene citata e mostrata la scena dell'esplosione. La storia, di fatti, si presenta come ideale seguito della momentanea conclusione del manga...e insomma, voglio dire, una volta che tutti avevano visto che Lupin era vivo e vegeto, che bisogno c'era di preoccuparsi del fatto che fosse possibilmente morto?

14 - Anche se non viene pronunciato quasi mai, Zenigata non fa "Ispettore" di nome, ma Koichi

13 - Sempre parlando di lui, nel fumetto e in un film scopriamo due cose interessanti sullo sfigatissimo ispettore: 1) Nel film La Pietra Della Saggezza, scopriamo che ha una figlia piccola; il film lascia inoltre intendere che sia divorziato. 2) Nel fumetto, invece, scopriamo il suo stipendio: 330,000 yen Giapponesi. In Euro, fanno 2,364.45...mica male eh? 

12 - Nella serie La Donna Chiamata Fujiko Mine, anime interamente dedicato al personaggio di Fujiko, ci sono alcune scene dove la "compagna" di Lupin bacia delle donne, lasciando intendere che sia bisex.

11 - Sempre parlando di lei, il suo cognome significa "picco della montagna", allusione non troppo velata al fatto che Fujiko ha un seno enorme. Una traduzione italiana del nome Fujiko potrebbe inoltre essere "Cime Gemelle". Erroneamente, spesso e volentieri il suo cognome viene pronunciato all'Inglese, anche se il significato di "mine" anglosassone vuol dire "mio/mia"

10 - Nel 1998, su Lupin III è stato fatto un musical intitolato "I'm Lupin". Non credete?


Ho le prove. Purtroppo (o per fortuna, dipende dai casi) lo spettacolo è inedito del Giappone e non ci sono nè riprese al riguardo, nè adattamenti in altre lingue.

9 - Nel 1982, i produttori della seconda serie di Lupin III sfruttarono il successo del ladro gentiluomo creando un anime che predicesse il futuro della dinastia del personaggio: nacque così un nuovo anime: "Lupin VIII". I lavori vennero però fermati dato che gli eredi di Maurice Leblanc impedirono di usare il nome di Lupin in un nuovo progetto. La serie vedeva protagonisti i discendenti dei cinque personaggi principali di ogni anime di Lupin III, nella Parigi del XXII secolo.

8 - Esclusa Fujiko, gli altri membri del cast sono ispirati ad altri personaggi o persone realmente esistite: Lupin è ispirato all'Arsenio Lupin di Maurice Leblanc (nell'economia della serie, ne è infatti il nipote); Goemon a Ishikawa Goemon, una sorta di Robin Hood Giapponese (nella serie è presentato come il suo tredicesimo discendente); Zenigata a Heiji Zenigata, poliziotto della letteratura Giapponese che arrestava i nemici lanciando monete; Jigen a James Coburn nel film I Magnifici Sette.

7 - Benchè nel cartone animato Lupin e Fujiko sono sempre visti a farsi le moine e a non concludere mai niente, che se no poi i bambini ci rimangono traumatizzati, molti si sono chiesti: ma da qualche parte, tipo nel manga, questi due hanno mai concluso qualcosa?


A voi la risposta

6 - Probabilmente, molti se lo sono chiesti: Vista la miriade di produzioni animate, qual'è il vero abbigliamento di Lupin e soci? E noi rispondiamo...anzi! Ve lo mostriamo:






Questi sarebbero gli outfit principali dei personaggi, anche se molte volte subiscono leggeri cambiamenti anche nel manga, giusto per variare un pò. Tipo Lupin alterna cravatta verde e giacca nera, con cravatta rossa e camicia azzurra, e Fujiko compare svariate volte coi capelli tinti di biondo. Perché? Per lo stesso motivo per cui le donne, al di fuori dei comics, si tingono i capelli: perché c'hanno voglia.


5 - E' stato il primo cartone giapponese ad essere trasmesso su una rete nazionale (Italia1) in prima serata, con il lungometraggio Viaggio Nel Pericolo.


4 - Le maschere di cloruro di vinile che utilizza Lupin sono una chiara citazione a Diabolik, anch'esso ladro creato dalle Sorelle Giussani nel 1962; Lupin sarà creato da Monkey Punch nel 1967.


3 - Sempre nella serie La Donna Chiamata Fujiko Mine, appare un certo Oscar, un nuovo personaggio che è presentato come l'assistente di Zenigata; il personaggio è una parodia di Lady Oscar e, per rendere l'idea, viene presentato in modo contrario a Lady Oscar: se la spadaccina era una donna che sembrava un uomo, qui è il contrario, un uomo decisamente effeminato. 

2 - Ma non sarà la prima volta che Lupin prenderà per il culo Lady Oscar, di fatti, quello riportato sopra è solo il secondo sfottò; il primo sarà nella seconda serie con la giacca rossa, nell'episodio 101 intitolato "Folle Amore a Versailles". Qui un piccolo estratto:


1 - Lupin, si sa, ha fatto un successone della madonna in tutto il mondo. Complice la sua originalità e il suo esser un cartone avanti coi tempi già nel fine anni '60/inizio anni '70? Precisamente! ...O almeno, questo non è quello che pensavano i Giapponesi nell'epoca. Di fatti, la prima mitica serie dalla giacca verde fu un vero floppone a Nippolandia, non tanto perchè i contenuti presentati erano penosi, ma perchè non rispettava certi canoni tipici dell'animazione Giapponese: botte ridotte al minimo, niente buoni sentimenti, niente ragazze acqua e sapone, niente buoni che vincono sempre e niente robottoni altri migliaia di metri. Vedere infatti un cattivo per protagonista che la faceva sempre franca contro un poliziotto e accompagnato da compagni di viaggi spregiudicati, non era quello che i Giapponesi volevano vedere. Già per l'epoca era si una serie all'avanguardia...ma che non fu pienamente capita dagli spettatori, finendo per chiudere dopo 23 episodi; tra l'altro, di quella serie, ne furono ordinati altri 3 ma che furono poi perduti a causa della cancellazione della serie. Il successo della versione animata del ladro gentiluomo fu possibile perché, verso la metà degli anni '70, vennero fatti rivedere i 23 episodi in replica e per riempire i soliti venti minuti di buio televisivo...e fu labbomba; gli spettatori nipponici rivalutarono il franchise e ordinarono una nuova serie: quella della giacca rossa, debuttata nel 1977 e durata ben 155 episodi. Da li, poi, fu solo discesa e la fama di Lupin si estese in tutto il mondo. 


E con questo è tutto, nella speranza di averi un pò nerdamente acculturato, noi ci vediamo nelle prossime settimane per altre curiosità!

- Symo

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...